A chi, nell’intento di riassumere i principali luoghi di interesse di Berlino, non verrebbe subito in mente di indicare la sua grande cattedrale? È infatti quasi impossibile che le sue forme bombate e il cupolone verde brillante che la sovrasta non rimangano nel cuore di chi la visita.

Oltre a essere l’edificio di culto più importante per il protestantesimo in Germania, nonché una delle cattedrali più incantevoli di tutta la nazione, il Berliner Dom è un vero e proprio simbolo della capitale tedesca.

Il Duomo di Berlino è quindi, senza dubbio, una tappa immancabile per chiunque si fermi in città anche solo per una notte. Tra l’altro, data la sua posizione strategica e centralissima che lo colloca nel cuore del quartiere Mitte, può essere considerato come un ottimo punto di partenza per andare alla scoperta dei musei e degli altri monumenti più importanti della capitale.

Una visita al Duomo di Berlino

Nei prossimi paragrafi vogliamo prenderti per mano e mostrarti quello che il Duomo di Berlino ha da offrire. Ti racconteremo la sua storia, ti illustreremo le opere preziose che sono custodite al suo interno e ti daremo alcuni consigli pratici per pianificare la visita e l’acquisto dei biglietti. Infine, tracceremo per te un piccolo itinerario delle attrazioni berlinesi da non perdere nei dintorni della cattedrale.

La storia del Berliner Dom

La storia del Duomo di Berlino affonda le proprie radici nel lontano Medioevo. All’epoca, al posto dell’edificio che conosciamo oggi non vi era che una cappella di corte. Bisognerà aspettare la metà del Settecento (per l’esattezza il 1747) per la costruzione della “prima versione” del Duomo, che portò, nell’arco di tre anni, alla realizzazione dell’edificio in stile barocco da parte dell’architetto olandese Johann Boumann.

Dopo alcune revisioni stilistiche di ispirazione rinascimentale, che miravano ad accostare il Duomo di Berlino a opere grandiose come la Cattedrale di San Pietro a Roma, si decise di procedere con un’ulteriore rivisitazione in chiave ancora più monumentale. L’Imperatore Guglielmo II voleva infatti per Berlino, e per la celebrazione del rito protestante, un edificio dalle fattezze ancora più imponenti e affidò l’incarico all’architetto tedesco Julius Carl Raschdorff.

Costui, dopo ben tre progetti presentati, ottenne il via libera dell’Imperatore per la realizzazione di una immensa cattedrale, che avrebbe incarnato una sintesi meravigliosa di diversi stili architettonici. I lavori per il “nuovo” Duomo di Berlino partirono nel 1893.

La storia travagliata del Berliner Dom non è ancora finita: durante la Seconda Guerra Mondiale, la cattedrale, infatti, subì lo stesso destino di tanti altri monumenti della città, finendo gravemente danneggiata. Seguì un lungo periodo di chiusura e di lavori di restauro, come quelli volti alla ricostruzione della cupola nei primissimi anni Ottanta (anche se solo nel 2006 vengono resi visibili i mosaici che la caratterizzano). La riapertura del Duomo avvenne solo negli anni successivi alla caduta del Muro, ossia nel 1993.

 

Duomo di Berlino

 

Le opere principali del Duomo di Berlino

Come accennato nel paragrafo precedente, Raschdorff volle per il Berliner Dom una struttura che dal punto di vista architettonico mettesse d’accordo tanto gli estimatori del Rinascimento quanto quelli del Barocco.

E così fu. L’interno del Duomo di Berlino è un tripudio di ori, mosaici, dipinti e decori ornamentali variegati. Il marmo ha un ruolo decisamente imponente, come dimostra l’utilizzo che ne è stato fatto per ottenere il grande altare realizzato da Friedrich August Stüler e il fonte battesimale voluto da Christian Daniel Rauch.

Il Duomo di Berlino si ricorda soprattutto per la cripta reale della dinastia Hohenzollern. Questa custodisce più di novanta tra tombe, sarcofagi e monumenti funerari (tra cui, quello di Federico I e della consorte, Sofia Carlotta), ed è per questo indicata tra i più importanti luoghi di sepoltura delle famiglie reali in Europa.

Coprendo un intervallo di tempo che va dal XVI al XX secolo, le tombe ospitate nella cripta rappresentano, dal punto di vista stilistico, tutte le correnti che si sono succedute nell’arte funeraria brandeburghese-prussiana.
Impossibile poi non menzionare l’organo progettato agli inizi del Novecento da Wilhem Sauer, il quale, per il Duomo di Berlino, desiderò uno strumento all’avanguardia, in grado di riprodurre un suono unico e perfetto. All’epoca, l’organo di Sauer venne riconosciuto come il più grande di tutta la Germania e, ancora oggi, è quello meglio conservato tra quelli risalenti all’epoca tardo-romantica.

Un altro dei principali elementi di pregio che si trovano all’interno del Duomo di Berlino è lo scalone imperiale, che veniva utilizzato dall’Imperatore Guglielmo II e dalla moglie Auguste Victoria per accedere direttamente alla Chiesa Battesimale e Matrimoniale (Tauf- und Traukirche) e al palco a loro riservato nella Chiesa del Sermone (Predigtkirche). Lo scalone, in marmo, si caratterizza per l’utilizzo della pietra proveniente dalle cave della valle del Lahn. Il cosiddetto “marmo del Lahn” si distingue da altri materiali per la sua colorazione rossastra.

Dopo aver ammirato le opere presenti all’interno della cattedrale, ti suggeriamo di fare ancora uno sforzo: non andare via senza prima aver affrontato i 270 gradini che conducono in cima alla cupola ed esserti affacciato dalla terrazza. Da lassù, infatti, si gode di uno dei panorami più belli sul centro di Berlino, a cominciare dai luoghi più vicini, come l’Isola dei Musei, il viale Unten den Linden, il Rotes Rathaus e la piazza di Gendarmenmarkt.

 

Organo del Duomo di Berlino

 

Duomo di Berlino: orari e costo dei biglietti

Ecco qualche info pratica per aiutarti a organizzare la tua visita al Duomo di Berlino.
Innanzitutto, è possibile visitarlo tutti i giorni. Nei mesi tra ottobre e marzo, la chiesa è aperta dal lunedì al sabato dalle 9.00 alle 19.00 e la domenica e i festivi dalle 12.00 alle 19.00.

Da aprile a settembre, invece, gli orari sono 9.00 – 20.00 (dal lunedì al sabato) e 12.00-20.00 (per la domenica e i festivi).

Potrai acquistare il biglietto d’ingresso sul sito ufficiale del Berliner Dom, prenotando anche la fascia oraria della visita. Come vedrai sul sito, sono previste diverse tipologie di biglietti per l’ingresso: il biglietto intero, per adulti, costa 9.00 euro; quello ridotto costa invece 7.00 euro.

I possessori della Berlin Welcome Card avranno diritto al biglietto al costo di 6,50 euro.
È inoltre previsto un biglietto di ingresso per le famiglie (valido per un adulto e fino a tre ragazzi sotto i 18 anni): anche in questo caso, il costo è di 9,00 o 7,00 euro a seconda che sia intero o ridotto.

Nel costo del biglietto è inclusa la possibilità di assistere a una mini visita guidata per approfondire la storia e l’architettura del Duomo di Berlino (al momento, sono previsti quattro appuntamenti al giorno). I gruppi e le scolaresche possono invece prenotare dei tour guidati di 30 o 90 minuti durante i quali potranno conoscere a fondo tutte le opere presenti nell’edificio in compagnia di una guida professionista.

Per aggiornamenti in tempo reale, prima di pianificare la tua visita al Duomo di Berlino ti suggeriamo comunque di tenere sotto controllo le informazioni riportate sul sito ufficiale. All’interno della cattedrale si tengono infatti eventi e concerti, durante i quali le visite da parte dei turisti non sono ammesse.

 

 

Panorama Duomo di Berlino

 

Cosa vedere nei dintorni della Cattedrale di Berlino

Una volta terminata la visita al Duomo, esci dall’edificio e guardati intorno. Ti trovi nel cuore del centro storico di Berlino, sempre ammesso che Berlino possieda un vero e proprio centro (su questo argomento ci sono pareri discordanti).

A ogni modo, sei a poca distanza da molti dei principali luoghi di interesse della capitale tedesca. Ecco qualche idea sulle prime cose da vedere nelle immediate vicinanze:

• Se vuoi prenderti una pausa approfittando dei tanti spazi verdi di Berlino, sappi che il Duomo è immerso nel bel giardino del Lustgarten, che è lì pronto ad accoglierti per offrirti un po’ di relax.

• Altrimenti, se intendi proseguire con le visite culturali, ti suggeriamo di non perdere per niente al mondo l’esposizione del Museo della DDR, che si trova sulla sponda opposta, proprio di fronte alla facciata laterale della chiesa. Potrai così farti un’idea di come fosse vivere negli anni della Repubblica Democratica Tedesca, con un focus particolare sulla quotidianità in casa e in famiglia.

• In alternativa, ricordati che il Duomo si trova sulla Spreeinsel, dunque adiacente all’Isola dei Musei.

Qui non avrai che l’imbarazzo della scelta, visto che parliamo di uno dei principali poli culturali di Berlino e della Germania intera. E ce n’è per tutti i gusti: agli appassionati di archeologia e arte antica suggeriamo la visita al Pergamonmuseum o al Neues Museum. Chi preferisce le atmosfere romantiche e impressioniste definite da artisti come Monet e Renoir apprezzerà la visita all’Alte Nationalgalerie.

Il Bode-Museum, che è ospitato all’interno di un bellissimo edificio in stile barocco che di certo non sfuggirà alla tua attenzione, è invece il regno delle culture classica e bizantina.

• Se invece preferisci approfondire la storia della città “semplicemente” percorrendone le strade e i quartieri dove “tutto è successo”, ricorda che il Duomo di Berlino è sfiorato da Unter den Linden, il viale più importante e famoso della città, che unisce alcuni dei luoghi più iconici della capitale culminando con la monumentale Porta di Brandeburgo.

• A poca distanza dal Duomo si trova anche il Nikolaiviertel, il piccolo quartiere dai colori pastello nel quale aleggia un’atmosfera antica e pacifica che non ti capiterà di incontrare spesso durante il tuo soggiorno berlinese.

 

Bodemuseum Isola dei Musei Berlino

 

Tour a Berlino in Italiano? Il nostro tour della Zona Monumentale.

Il tour che ti porta dalla nascita di Berlino alla creazione della residenza della monarchia prussiana. Attraversando la Repubblica di Weimar fino alla dittatura nazionalsocialista e la seconda guerra mondiale. Una visita guidata per conoscere i monumenti più famosi di Berlino. Scopri il percorso del Tour della Zona Monumentale di Berlino.

 

 

Lascia un commento





5 − 4 =