Tutti i quartieri di Berlino meriterebbero di essere visitati. Neukölln è in assoluto uno dei quartieri a cui darei la priorità, se il tempo a disposizione mi costringesse a fare delle scelte.

Due costanti caratterizzano il quartiere: alta densità di popolazione giovane e multiculturalità.

La zona più vivace, popolosa e interessante del quartiere è quella più a nord, quasi circoscritta all’interno del triangolo che le linee della metropolitana U-Bahn e S-Bahn formano, se si considerano le stazioni Schönleinstrasse, Hermannstrasse e Sonnenallee.

I quartieri di Berlino: Neukölln

6 cose da non perdere nel quartiere più giovane di Berlino

Ce n’è per tutti e per ogni umore: dal semplice passeggiare guardandosi intorno, magari lungo il Landwehrkanal (canale artificiale che attraversa la città) o al parco, allo shopping tra i vari mercatini, all’offerta culturale di piccole gallerie d’arte e musei, al semplice piacere di mangiare e bere in compagnia.

Considerando le mie abitudini da abitante del quartiere e insaziabile esploratrice, ho raccolto qui di seguito in sei punti che cosa a parer mio non bisogna farsi sfuggire di Neukölln.

Rixdorf un paesino boemo all’interno della città

Rixdorf, paesino boemo a Berlino

Uno dei risultati della lunga e disastrosa Guerra dei Trent’Anni, nel lontano XVII secolo, fu la cattolicizzazione della Boemia.

Dalla regione fuggirono numerosi protestanti, che trovarono rifugio nell’Elettorato del Brandeburgo, nelle campagne fuori Berlino, come nel paesino Rixdorf, oggi ormai inglobato all’interno del quartiere Neukölln.

Richardplatz era ed è la piazza principale.

Nella piazza o nei vicoli intorno si riesce a respirare ancor oggi un’atmosfera paesana. Si possono ammirare costruzioni ed abitazioni davvero d’altri tempi!

Come ad esempio la Bethlehemskirche (chiesa di Betlemme) di epoca tardomedievale, la Trinkhalle (chioschetto) in stile liberty che tanto somiglia ad un fungo, la storica Schmiede e ancor oggi fucina.

Degno di nota è anche la ex scuola boema, oggi sede del “Museum im Böhmischen Dorf” e patrimonio culturale. Il museo racconta della vita nel paese da parte della comunità boema.

La piazza ospita ogni anno due eventi fissi: verso metà settembre lo storico festival Popráci, dove varie squadre si sfidano facendo rotolare il più velocemente possibile covoni di paglia; il mercatino di Natale, che si svolge nel weekend della seconda settimana dell’avvento. Originale e solidale merita sicuramente di essere visitato.

Se invece si vuole riposare l’anima ed il corpo è assolutamente consigliato fare una passeggiata nel Comenius Garten: un piccolo gioiello di giardino pubblico e didattico, intitolato a Comenius, padre dell’educazione moderna.

Körnerpark come conciliare cultura e natura con una pausa caffè

Körnerpark nel quartiere Neukölln a Berlino

Verso la fine dell’Ottocento Rixdorf si dovette confrontare con un’inaspettata crescita della popolazione.

In pochi anni il piccolo paese si trasformò in una cittadina. L’imprenditore e cittadino Franz Körner decise così di far realizzare tra il 1912 e 1916 in un’ex cava di ghiaia un parco, di donarlo a Rixdorf e di intitolarlo a proprio nome.

Il Körnerpark di circa 2,4 ettari ricorda il parco di un castello: oltre ai giochi d’acqua, c’è un’orangeria in stile neobarocco, la quale ospita un caffè (consigliato il brunch domenicale) e una galleria per mostre temporanee. In primavera ed estate il parco viene adornato di fiori colorati come un vero e proprio giardino reale. Un piacere per gli occhi!

Kindl Brauerei storico birrificio oggi centro per l’arte contemporanea

Kindl Brauerei storico birrificio a Neukölln, Berlino

L’ex imponente birrificio Kindl fu costruito tra il 1926 e il 1930 in stile Backsteinexpressionismus (Espressionismo di mattoni, tradotto in italiano) sulla collina Rollberg.

Grazie alla tecnica della bassa fermentazione, la birra Berliner Kindl raggiunse all’epoca un grande successo. La Seconda Guerra Mondiale non risparmiò la produzione e nemmeno lo stabilimento di Neukölln.

Nel dopo guerra iniziano le opere di risanamento e ristrutturazione del complesso di edifici, che han portato all’attuale utilizzo degli spazi come centro per l’arte contemporanea.

Qui si svolgono mostre temporanee, simposi, letture, eventi e workshop sull’arte contemporanea.

Il mercato di Maybachufer conosciuto come mercato turco

Il mercato di Maybachufer a Neukölln, Berlino

Il mercato turco è un must per chi visita Berlino e per chi vive in zona. Si svolge ogni martedì e venerdì lungo il Landwehrkanal, al confine con il quartiere di Kreuzberg, lungo il Maybachufer.

Non è un semplice mercato ortofrutticolo. Qui si possono comprare spezie, erbe aromatiche, pane fresco, pesce e carne, formaggi, pasta fresca, prodotti di artigianato locale e non, metri di tessuti di ogni tipo e qualità, vestiti già confezionati, bigiotteria ed oggettistica per la casa.

Se si è affamati e curiosi di provare cucine di altri paesi, consiglio di non fermarsi alle prime bancarelle lungo il canale, ma di girarlo in lungo e in largo fino alla fine per poi scegliere.

Spesso s’incontrano artisti di strada, accompagnare con buona musica una pausa culinaria.

Verso l’orario di chiusura (circa 17:00-18:00) si può sentire anche un altro tipo di melodia: quella dei venditori ortofrutticoli, che pubblicizzano cantando offerte da non lasciarsi scappare.

Un buon occhio critico però sul prodotto in “offerta speciale” è auspicato.

I mercatini delle pulci

Mercati delle pulci a Berlino

A Berlino non c’è solo il mercatino di Mauerpark.

Quasi ogni quartiere ospita un mercatino delle pulci (in tedesco Flohmarkt). E come sempre accade alcuni mercatini sono più originali e autentici di altri.

Degni di nota a Neukölln sono 2 mercatini. Entrambi si svolgono ogni due domeniche. Per sapere con precisione quando, conviene visitare i corrispettivi siti internet (vedi sotto).

Il primo mercatino si svolge, lungo lo stesso Maybachufer del mercato turco e si chiama Now Koelln. Il pubblico è di tutte le età!

Quel che conta qui sono pazienza e mani libere: le ufficiali ed improvvisate bancarelle sono davvero tante. Difficile tornare a casa a mani vuote. Anche qui ce n’è per tutti i gusti! Abiti di seconda mano, abbigliamento vintage, vestiti per bambini, giocattoli, oggetti d’arredo, oggetti da bricolage, macchine fotografiche, tessuti d’altri tempi.

Il secondo mercatino è appena oltre la linea della metropolitana S-Bahn, in Kranoldplatz.

È un “novello” paragonato ad altri mercatini. Diventa però una buona scusa visitarlo, se si vuole godere una domenica tranquilla, senza rinunciare al piacere di sbirciare tra le bancarelle.

Se non si è in vena di mercatini consiglio di dare un’occhiata al repertorio di abiti vintage o di seconda mano di Repeater, il negozio piú soprendente del quartiere.

Photo by Julien Dumas on Unsplash

I. https://nowkoelln.de/

II. https://www.nkflohmarkt.de/index.html

Mangiare e bere a Neukölln, cucina internazionale e locali per la sera

Cosa Mangiare a Neukölln, Berlino

Le possibilità in quartiere sono molte, l’abitudine a mangiar fuori ben rodata!

A Neukölln la cucina è internazionale, spesso rispettosa dell’ambiente (vegana e vegetariana) ed anche amica del portafoglio!

Se la fame è tanta e il tempo poco conviene un falafel: da Sahara Imbiss, inconfondibile per la salsa d’arachidi che guarnisce il panino, oppure da Falafel Piano, tradizionale ma con pane integrale.

Se si ha in programma una passeggiata nel parco di Tempelhofer Feld non si può non provare la cucina israeliana di Café Pilz, o in alternativa quella persiana di Restaurant Café Caramina.

Se invece si sente la nostalgia dell’acqua e si opta per una passeggiata lungo il Landwehrkanal non escluderei l’idea di “fare un pieno” di canederli nel ristorante sudtirolese Knödelwirtschaft.

Troppo glutine? Allora forse meglio optare per il ristorantino greco a conduzione familiare [a’lu], in Nansenstrasse.

Se invece siete a corto di zuccheri, consiglio di avventurarsi lungo il viale per eccellenza di Neukölln, Sonnenallee, partendo da Hermannplatz, fino ad incrociare Fuldastrasse.

Tra negozi dalle insegne solo in arabo, tra barbieri e piccoli supermercati, si alternano pasticcerie di tradizione mediorientale, che realizzano mini baklave ed altri dolcetti al profumo di rose o fiori d’arancio. Paradisiaci.

Locali e Ristoranti a Neukölln, Berlino

Weserstrasse è la via ideale invece per chi vuole bere una birra o un vino o un qualsiasi altro drink in compagnia, il pomeriggio tardi o la sera di locali se ne incontrano molti lungo la via.

Bisogna solo scegliere e considerare l’alta possibilità che all’interno sia ammesso fumare.

Degni di nota sono il Silver Future, locale dagli interni vintage e storico luogo d’incontro per il pubblico omosessuale, il Bar Ä, grande a sufficienza da potersi permettere una stanza per i non fumatori, il cocktail bar TiER minimal e moderno, il bar Du Beast con spesso rock music in sottofondo ed infine il quasi gemello solo più attraente Nathanja & Heinrich Café/Bar.

Testo e foto di Chiara Gabellotto e Kostas Bies

Visita con noi i quartieri di Berlino, ecco il nostro tour: Tour Neukölln

2 commenti

  1. […] Nella cartina è un’enorme macchia verde chiaro, dentro il quartiere di Tempelhof, a sud di Kreuzberg e a ovest rispetto al quartiere Neukölln. […]

  2. […] un esempio i quartieri di Zehlendorf, Lichterfelde, Grunewald e Dahlem. Ad est, da Wedding a nord a Neukölln a sud, i quartieri di operai con le Mietskaserne, i complessi abitativi che erano caratterizzati da […]

Lascia un commento





diciannove − quindici =